Profilo - Fattoria di Alice

Vai ai contenuti

Menu principale:

Struttura

Profilo

La "Fattoria di Alice" è un’ azienda agricola e sociale a conduzione biologica che la Cooperativa Sociale ALICE e l’Associazione familiari e sostenitori sofferenti psichici della Tuscia hanno realizzato a Viterbo, in prossimità del centro cittadino (Località Occhibianchi, zona università).
L’idea di coniugare attività di tipo agricolo e servizi di tipo sociale nasce dall’evidenza ormai consolidata che le attività di coltivazione delle piante e di allevamento degli animali con le loro intrinseche caratteristiche sono uniche nel generare benefici ai soggetti con difficoltà fisiche, mentali e sociali.

La Fattoria di Alice oltre ad offrire servizi di carattere "terapeutico-riabilitativo" nei confronti di particolari gruppi della popolazione,  per la propria natura di impresa agricola sociale, vuole anche "produrre" occupazione per soggetti svantaggiati contribuendo in questo modo a ridurre il fenomeno dell’esclusione sociale.
I mercati del lavoro, infatti, non riescono ad accorgersi delle capacità produttive di persone che hanno tali capacità compromesse (ad esempio, le persone con disabilità o con problemi di salute mentale).
La sostanziale esclusione dal mercato del lavoro di tali soggetti si configura in un "fallimento" del mercato stesso nel senso che nel proprio funzionamento ordinario il mercato emargina risorse umane pur capaci di partecipare ai processi di produzione, seppure a volte in condizione di relativa protezione.
La cornice in cui tutto questo è stato realizzato rientra nell’espressione sempre meno infrequente di agricoltura sociale, vale a dire l’insieme di quelle attività, esperienze, programmi ed interventi, nei quali vengono condotte attività agricole, di coltivazione, di allevamento o di trasformazione di prodotti agroalimentari, che coinvolgono attivamente e produttivamente fasce deboli della popolazione.

Torna ai contenuti | Torna al menu